P1100447ok

Quando rivolgersi allo psicologo?

Quando le difficoltà persistono nel tempo e condizionano la serenità del bambino/adolescente e di tutta la famiglia.

Lo psicologo si occupa del benessere di tutta la famiglia, offre un supporto al bambino/adolescente e ai suoi genitori per sbloccare la situazione di difficoltà e tornare a stare bene insieme e con se stessi.

In Età Evolutiva il lavoro dello psicologo è primariamente preventivo, perché evita che una situazione di difficoltà si strutturi in una problematica conclamata.

Bambini e Adolescenti 

I bambini e gli adolescenti nell’arco del loro sviluppo attraversano molti cambiamenti e così i loro genitori. Durante la crescita, può capitare che attraversino periodi di crisi legati a passaggi evolutivi più faticosi da affrontare o a particolari situazioni famigliari.

Primo colloquio con i genitori, serve a conoscerci e a comprendere insieme la natura delle difficoltà incontrate dalla famiglia.

Psicodiagnosi: sono circa sei colloqui con il bambino/adolescente utili a conoscerlo e inquadrare la situazione, così da pianificare al meglio il percorso da intraprendere. Gli strumenti che utilizzo come psicologo infantile solo oltre al dialogo, il gioco, il disegno e le storie.

Sostegno genitoriale: sono colloqui che danno ai genitori uno spazio di pensiero accogliente e senza giudizio, per accompagnare in una particolare situazione di bisogno o durante il percorso terapeutico con il bambino. A volte, soprattutto in adolescenza, può essere utile svolgere dei colloqui congiunti con il/la ragazzo/a e i genitori.

Consulenza genitoriale: breve e mirata, è utile quando i genitori si rivolgono allo psicologo per chiedere un consiglio e riflettere su una tematica specifica che li preoccupa.

Consultazione Famigliare o 0-5 anni: quando il bambino è piccolo utilizzo una particolare metodologia di lavoro nella quale i colloqui e le osservazioni di gioco sono svolte insieme ai genitori e diventano occasione di riflessione condivisa.

Sostegno psicologico: è un percorso individuale, regolare e continuativo di aiuto, per comprendere ed affrontare una problematica specifica o attraversare momenti di vita dolorosi.

Psicoterapia Psicoanalitica: è il percorso per eccellenza, che permette una reale conoscenza di sé e la trasformazione delle problematiche personali più profonde. È lungo e a frequenza regolare.

Il mio orientamento è appunto Psicoanalitico perché è l’approccio in cui mi riconosco principalmente e ho scelto di formarmi.
Pone al centro dei suoi studi la relazione tra le persone, anche quella tra paziente e terapeuta, e il nostro mondo interno con tutti i vissuti che proviamo sia quelli più consapevoli che quelli inconsci.

Parliamone